CONSIDERAZIONI SULLA LEGGE REGIONALE PUGLIESE SERVIZI PUBBLICI LOCALI

Negli ultimi giorni aumentano le richieste da parte di amministratori locali, associazioni e singoli cittadini di rivedere la legge approvata dal Consiglio Regionale della Puglia Il 3 agosto 2012 sui servizi pubblici locali (rifiuti e trasporti).
La legge ha la finalità di regolamentare e uniformare sul territorio l’espletamento di questi servizi essenziali e i tempi ravvicinati della discussione e dell’approvazione sono stati dettati dalla necessità di adempiere a scadenze normative.
Già nel titolo “Rafforzamento delle pubbliche funzioni nell’organizzazione e nel governo dei Servizi Pubblici Locali” si esprime la volontà di preservarne il carattere pubblico, in contrapposizione con le forzature dei Governi Berlusconi e Monti, che, in ossequio all’ideologia liberista e agli interessi dei privati e degli speculatori, hanno pervicacemente violato la volontà popolare espressa con i referendum del 2011.
Tale manovra è stata bloccata (ma purtroppo le forzature persistono ) grazie alla mobilitazione sociale e al ricorso alla Consulta effettuato da alcune regioni, fra cui, meritoriamente, la Puglia.
Tuttavia ad una più attenta lettura il contenuto della legge pugliese, appena approvata, manifesta alcune contraddizioni che rischiano di inficiare lo scopo espresso nel titolo; in particolare, il riferimento alla concorrenza nel mercato, il ruolo residuale riservato alle società in house, l’assenza della possibilità di affidare i servizi ad un soggetto di diritto pubblico (quindi senza la finalità del profitto) rischiano di produrre, uno scenario di totale liberalizzazione dei servizi pubblici locali nella nostra regione, proprio all’indomani della cancellazione proprio grazie all’impegno della Regione Puglia, di quest’obbligo da parte della Consulta.
La concezione di fondo può apparire quella secondo cui la programmazione è in capo al pubblico, la regolazione è riservata ad esperti nominati dal Presidente della Giunta, la gestione è affidata al mercato.
L’idea che una gestione privatistica di per sé comporti efficienza e risparmio è pregiudiziale e infondata, come ampiamente dimostrato da molte esperienze proprio nel campo dei servizi pubblici, a cominciare dai rifiuti, considerati un business estremamente appetibile e penetrabile da interessi poco trasparenti, a vantaggio dell’incenerimento piuttosto che del riciclo, della produzione di rifiuti piuttosto che della loro diminuzione.
Considerando positivamente l’intenzione di regolamentare l’intera materia all’interno di un quadro regionale e la volontà di imporre, in ossequio alle direttive nazionali ed europee, la raccolta differenziata favorendo le Unioni dei Comuni, riteniamo che la soluzione della quasi totale marginalizzazione e non definizione del ruolo dei comuni possa produrre un effetto rischioso.
Quanto ai tempi di attuazione, essi saranno necessariamente lunghi. Nel frattempo, i Comuni che hanno contratti in scadenza sono tenuti a bloccare le nuove procedure e ad andare in proroga, causando indirettamente disservizi e, paradossalmente, l’impossibilità di avviare finalmente la raccolta differenziata porta a porta.
Rifondazione Comunista proporrà pertanto, agli Stati generali del centro sinistra e al Consiglio Regionale pugliese che siano accolte le sollecitazioni provenienti da tanti Comuni della Puglia e dal mondo delle associazioni e dell’ambientalismo, e siano apportante le modifiche e i correttivi necessari per rispondere alle esigenze delle comunità in favore di un sistema pubblico e partecipato dei servizi, ad iniziare dallo sblocco delle gare in itinere e alla separazione obbligatoria tra gestori della raccolta e gestori dell’impianti.

Per la segr. Reg.le
Ncola Cesaria
Bari 30.09.2012

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: